Mc4Software logo APE - ONLINE 3.1

INPUT LOCALI



Scheda : Illuminazione


 

INTRODUZIONE

Il calcolo del fabbisogno energetico riferito al servizio di Illuminazione avviene fondamentalmente sulla base della norma UNI EN 15193:2008.

Ai fini della valutazione della prestazione energetica è possibile avvalersi di quanto disciplinato dall'Appendice D della norma UNI/TS 11300-2 :2014 che assume la funzione di Linea Guida ai fini di un calcolo convenzionale (approcci A.1 ed A.2).

In conformità a quanto disciplinato dal paragrafo 2 dell'allegato 1 (Linee guida nazionali per l'attestazione della prestazione energetica degli edifici) del Decreto Requsiti Minimi del 26/06/2015, la determinazione dell'indice di prestazione energetica per l'illuminazione degli ambienti è obbligatoria per immobili appartenenti alle categorie E.1(1) limitatamente a collegi, conventi, case di pena e caserme, E.2, E.3, E.4, E.5, E.6 ed E.7 .

Nell'ambito di una valutazione di progetto (approccio A.1) o standard (approccio A.2), il calcolo coinvolge tutti gli ambienti interni, siano essi climatizzati o non climatizzati, ma non riguarda aree esterne di pertinenza esclusiva dell'edificio.

Per la valutazione del fabbisogno di energia elettrica di ambienti interni la UNI/TS 11300-2:2014 raccomanda l'adozione completa della UNI EN 15193; in sostituzione della tabelle informative contenute in quest'ultima si suggerisce altresì l'impiego dei dati convenzionali contenuti nelle tabelle e prospetti dell'appendice D della UNI/TS 11300-2:2014. Tali prospetti sono incorporati integralmente in ape-online.

 

LOC_ILL

 

Fattore di illuminamento costante : prevede le due opzioni 1) Senza controllo dell'illuminamento costante , 2) Con controllo dell'illuminamento costante a seconda del sistema presente in ambiente.

SIstema di controllo illuminazione : prevede le sei opzioni:

1) Accensione e spegnimento manuale

2) Accensione e spegnimento manuale più ulteriore segnale di spegnimento generale automatico

3) Accensione automatica / Regolazione automatica

4) Accensione e spegnimento automatico

5) Accensione manuale, regolazione e spegnimento automatico

6) Accensione manuale, spegnimento automatico.

Potenza totale installata [W] : equivale alla potenza elettrica totale dei sistemi di illuminazione presenti nell'ambiente.

Fattore di non occupazione [0..1] : rappresenta la frazione di tempo nel quale lo spazio è occupato; equivale al Fattore di Assenza FA definito al paragrafo D.4.3 della UNI/TS 11300-2 che elenca i fattori in funzione della categoria d'uso dell'immobile

nell'ambito del prospetto D.2. Il prospetto viene attivato cliccando sul pulsante posto nell'estremità destra.

Illuminamento mantenuto [Lux] : occorre indicare il valore di illuminamento della sorgente luminosa presente in ambiente; il parametro è funzionale alla determinazione del Fattore di disponibilità di luce diurna.

Indice di profondità IDe : tale parametro è impiegato nell'ambito della definizione del fattore di luce diurna Dc (determinabile secondo la formula C.7 dell' appendice C della UNI EN 15193:2008).

IDe = aD / ( hLi - hTa) dove aD è la profondità dell'ambiente illuminato, hLi è l'altezza misurata tra sommità superiore delle aperture dei serramenti e il pavimento, hTa è l'altezza misurata tra bordo inferiore delle aperture dei serramenti e il pavimento.

Indice di ostruzione Io : tale parametro è impiegato nell'ambito della definizione del fattore di luce diurna Dc (determinabile secondo la formula C.8 dell' appendice C della UNI EN 15193:2008).

Modalità di attivazione : prevede due opzioni 1) attivazione centrale 2) attivazione locale a seconda della modalità di gestione del sistema di illuminazione nell'ambiente.

Controllo sistema illuminazione artificiale : prevede le due opzioni 1) Automatica, dipendente dalla luce diurna 2) Manuale a seconda della modalità di attivazione dei sistemi di illuminazione nell'ambiente.

Orario operativo : prevede le sue opzioni 1) Prolungato 2) Dalle 8:00 alle 17:00 in base al tipo di occupazione o attività svolta nell'ambiente. Il parametro è funzionale alla determinazione del Fattore di disponibilità di luce diurna.